Un po’ di storia...

I demoni degli Inferi Fiammeggianti hanno desiderato a lungo di invadere il regno degli uomini. A tale scopo, un potente gruppo di signori demoniaci noti come Maligni Minori esiliò dall’Inferno i propri fratelli, i Primi Maligni, inviandoli nel mondo umano di Sanctuarium.

La guerra li seguì. I Primi Maligni, Diablo, Mefisto e Baal, iniziarono a corrompere gli umani, trasformandoli in oscuri servi e avvelenandone le menti con false promesse di potere e ricchezza. In seguito, pianificarono di usare quelle anime nella lotta che li contrapponeva agli angeli del Paradiso Celeste.

Alcuni valorosi eroi si unirono e riuscirono a uccidere i Primi Maligni, ma l’influenza dei demoni lasciò parte del mondo devastata. Morirono migliaia di persone, città furono ridotte in cenere e un’intera nazione cadde in rovina quando la Pietra del Mondo fu distrutta. L’antica reliquia un tempo serviva a tenere Sanctuarium al riparo dalle armate dei demoni e degli angeli. Dopo la sua distruzione, i suoi poteri protettivi sono svaniti.

Pochi sono sopravvissuti per narrare dei Primi Maligni, e molta della gente di Sanctuarium ignora persino l’esistenza della Pietra del Mondo. Rimane ignara del pericolo crescente a cui la espone l’assenza della reliquia, accontentandosi di accudire i campi e vendere le proprie merci in relativa pace. Ma coloro che assistettero alla devastazione causata dai Primi Maligni ricordano che negli Inferi Fiammeggianti risiedono ancora due Maligni Minori: Azmodan, il Signore del Peccato, e Belial, il Signore della Menzogna. Questi grandi demoni non hanno dimenticato il mondo di Sanctuarium. Anzi, questa è la loro occasione di conquistarlo.

Ora, una stella è caduta dal cielo: un segno di sventura che annuncia la Fine dei Giorni. Impauriti, gli abitanti di Sanctuarium hanno iniziato a rivolgersi ad antiche leggende e profezie per ottenere delle risposte. Non hanno speranza contro l’avanzata degli Inferi Fiammeggianti. Gli eroi del passato sono scomparsi o morti.

Serve un nuovo campione…

Carico i commenti…

Si è verificato un errore nel caricare i commenti.